NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

ENERGY CHALLENGE

10/10/2017 - 16:30

«Non ci sono più scuse!»

Stress, musicista e ambasciatore per l’energia, parla nella seguente intervista di paure, riduzione dei rifiuti e responsabilità

20 Minuten/sts
il musicista della Svizzera romanda Stress è ambasciatore della Energy Challenge già per la seconda volta. In questo ruolo si vuole impegnare per la protezione dell’ambiente e il risparmio energetico. Secondo lui non si tratta di creare «un mondo perfetto. Consumiamo tutti energia per nutrirci, per andare al lavoro o per rilassarci».
0
0
GALLERY | 3 immagini

L’Energy Challenge 2017 fa tappa alla Züspa, la fiera interattiva di Zurigo. In qualità di ambasciatore per l’energia era presente anche il musicista della Svizzera romanda Stress. 20 Minuti ha parlato con lui del suo impegno.

Stress, già per la seconda volta sei ambasciatore della Energy Challenge. Cosa ti hanno insegnato questi sei mesi?

Dopo l’inizio dell’Energy Challenge a maggio mi sono reso conto che gran parte della popolazione è ancora scettica riguardo all’abbandono dell’energia nucleare e non ha molta fiducia nelle energie rinnovabili. È normale che vi sia qualche timore, ma bisogna superarlo e sperimentare nuovi tipi di energia. Per molto tempo si pensava anche che l’uomo non sarebbe mai potuto andare sulla luna, ma continui esperimenti e ricerche hanno reso possibile l’impossibile.

Qual è stato momento più bello?

Mi è piaciuto moltissimo affrontare l’argomento del risparmio energetico con le scuole in modo giocoso. Gli studenti si sono mostrati molto aperti ai suggerimenti, senza nessun pregiudizio. Il progetto tuttavia è a lungo termine, solo fra un po’ di tempo si potranno vedere effetti positivi concreti. È importante che le opportunità di risparmio energetico siano spiegate al maggior numero possibile di bambini, perché loro sono il futuro.

Nell’intervista di maggio hai dichiarato che la riduzione dei rifiuti sarebbe stato il tuo prossimo obiettivo. Ci sei riuscito? Come?

Cambiando il mio comportamento di spesa sono riuscito a produrre quantitativi di rifiuti decisamente minori. Viviamo in Svizzera, nella condizione privilegiata di avere accesso ai più svariati prodotti e di beneficiare di un alto potere d’acquisto. Per questo compriamo tante cose che in fondo non ci servono affatto. Negli ultimi mesi ho fatto acquisti in modo più consapevole e i rifiuti sono diminuiti automaticamente.

Cosa consigli alle persone che fanno fatica a mettere in pratica i buoni propositi?

È molto facile migliorare il proprio bilancio ambientale o energetico nella vita quotidiana; basta informarsi sulle numerose opportunità e assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Molti visitatori degli stand fieristici della Energy Challenge a Basilea, Locarno, Losanna o Zurigo, ad esempio, si sono resi conto che per generare abbastanza elettricità da alimentare il laptop per un minuto bisogna sgambettare come pazzi su una fila di sei biciclette in grado di produrre energia.

Questa consapevolezza può promuovere un approccio più parsimonioso nei confronti dell’energia. Il risparmio energetico non deve per forza essere radicale; anche piccoli cambiamenti possono avere ripercussioni positive sull’ambiente.

Nei commenti dei lettori di 20 Minuten spesso sei stato definito ipocrita, perché ti impegni così tanto per l’ambiente, ma al contempo viaggi tanto in aereo. Ti va di replicare?

Non si tratta di creare un mondo perfetto. Consumiamo tutti energia per nutrirci, per andare al lavoro o per rilassarci. Se ad esempio uno abita nella Svizzera tedesca e per lavoro si deve recare spesso a Ginevra, probabilmente non può cambiare lavoro o rinunciare ai meeting a Ginevra. Ma sicuramente può pensare a quale mezzo di trasporto usare considerando l’efficienza energetica.

Quale messaggio vuoi trasmettere ai lettori che desiderano risparmiare energia?

Oggi è molto semplice trovare informazioni. Non ci sono più scuse! Si può iniziare cambiando i propri comportamenti a casa, negli acquisti o nella mobilità. L’importante è soffermarsi a pensare.

Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 23:43:09 | 91.208.130.55